Pizzica amara (Genisi)

Ho fatto conoscenza con Chicca Lopez, protagonista di questa indagine ambientata nel Salento. Fa parte della nutrita schiera delle agguerrite detective che popolano i più recenti libri e serie tv. A volte estremamente seduttive, altre volte, come in questo caso, fin troppo tese a voler dissimulare l’appartenenza al genere femminile. Più amate dalle donne o dagli uomini? Domanda dalla difficile risposta.. a me personalmente, di solito, piacciono.

Ma torniamo al libro..Un viaggio nel mondo della magia e delle superstizioni, una specie di lato oscuro del Salento, in cui ho scoperto la vera origine delle notti della taranta che è molto lontana da quella che viene proposta ai turisti che frequentano d’estate le spiagge salentine. Da leggere!

Il cuoco dell’Alcyon (Camilleri)

Prima di tutto un pensiero per il Maestro, che in questi giorni sta affrontando la sfida più importante e un ringraziamento di cuore per le meravigliose pagine che ci ha regalato.

Un Montalbano triste ed invecchiato, che viene prima messo in ferie forzate, poi vede i suoi collaboratori Fazio e Mimì allontanati dal commissariato e Catarella assegnato ad un nuovo servizio. La sua reazione è tiepida, solo la brutta copia di quanto avrebbe fatto qualche anno prima..

Il tramonto di un protagonista, che cerca di imparare le ricette da Adelina in vista del pensionamento e che tristemente va a passeggiare fino al molo, luogo di tante meditazioni assieme al granchio fedele.

Ma una carriera brillante non può finire così. Montalbano riuscirà a sparigliare le carte ancora una volta? Tutto da scoprire in questo piacevole libro..

La logica della lampara (Cassar Scalia)

La protagonista, il vicequestore Guarrasi, diventa sempre più personaggio. Entra nella nostra vita, quasi come un’amica che vorresti conoscere e con cui vorresti condividere le confidenze. Diventi curiosa non solo di sapere come risolverà il caso che ha per le mani, ma anche come andranno a finire i suoi tormenti amorosi..

“Tu cosa pensi sia giusto, nica mia? Perché questo comanda, nella vita: quello di cui hai bisogno tu per guardarti allo specchio e sapere che non hai nulla da rimproverarti. Che stai facendo tutto quello che puoi perché la tua vita sia il più possibile simile a come la vorresti. Precisa identica, amore mio, non potrà essere mai. E la maggior parte delle volte non dipenderà da te.”

Ostracismo (Heinichen)

Un nuovo libro della serie del commissario Laurenti. Anche Heinichen propone la tipologia di libri ad episodi, con gli stessi personaggi che vengono seguiti nella vita personale e professionale. Rispetto ad altre” serie di libri” analoghe (Manzini, Rava, de Giovanni) , questa, a mio avviso, ha meno appeal, crea meno ‘dipendenza’ . A parte il commissario, gli altri personaggi rimangono poco definiti e quindi è difficile affezionarsi. Bella, invece l’ambientazione a Trieste, città che affascina. Si tratta comunque di un libro che merita di essere letto!

Bianco Letale (Galbraith)

Qualora fosse stato necessario, si confermano le qualità di scrittrice della Rowling, che scrive con questo pseudonimo. La costruzione del racconto è ottimale e anche l’idea è originale; i personaggi, già incontrati nei libri precedenti, sono credibili e coerenti . Personalmente ho sofferto la lunghezza del racconto che avrebbe potuto essere sintetizzato in alcune parti senza perdere nulla. Se vi sentite pronti per affrontare le ottocento pagine vi auguro buona lettura!

Di punto in bianco (Rava)

In questo caso il lettore sa già dall’inizio cosa è successo e chi è il colpevole; il libro si concentra sul lavoro d’indagine e su come si arriva alla soluzione del caso. Ritroviamo i protagonisti degli altri libri della serie, il commissario Rebaudengo, adesso nella veste di consulente, e il medico legale Ardelia Spinola, di nuovo assieme per questa indagine in cui ritrovano l’intesa, almeno dal punto di vista professionale.