Senza mai arrivare in cima (Cognetti)

L’ambiente è sempre la montagna come nel libro precedente (le otto montagne). Ma la sfida è più grande, non solo quella fisica con le quote sopra i 5000 metri, ma anche quella interiore nell’affrontare un viaggio con se stessi in un ambiente nuovo e molto stimolante anche dal punto di vista spirituale.

“..secondo i tibetani, la montagna è abitata da spiriti, non maligni ma severi con l’uomo, e io dovevo aver incontrato il mio.’Gli ostacoli nel corso di un viaggio faticoso sono opera dei demoni ansiosi di mettere alla prova la sincerità dei pellegrini, eliminando gli incerti di cuore’. Sapevo anche che quel demone mi avrebbe accompagnato per il resto della spedizione, ed ero disposto a dimostrargli la mia sincerità”.